La Junta Escondida

venerdì 13 luglio ore 22.00

Baveno – Cava Seula

Acquista i biglietti »

Lo spettacolo de La Junta Escondida di Maltango porta in scena la vera magia del tango grazie a una lettura nuova, energica, ma allo stesso tempo attenta e rigorosa.

Il repertorio proposto, che va da Piazzolla a D’Arienzo, da Pugliese a Troilo, unitamente all’utilizzo di una strumentazione tipica, che include il bandoneon, strumento simbolo del tango, conduce lo spettatore attraverso una sorta di viaggio temporale e geografico. Ma i Maltango portano sul palco anche un’altra anima del tango: i ballerini, con i quali lo spettacolo viene costruito.

Maltango, una formazione che di volta in volta si amplia collaborando con diversi musicisti e ballerini, porta sul palco in occasione di Tones On The Stones una formazione che vede coinvolti sette musicisti e la partecipazione di due coppie di ballerini. Si inizia con la musica di Astor Piazzolla e si chiude con La Cumparsita: una sorta di inno nazionale del tango. Lo show ripercorre i molteplici aspetti di quest’arte, dalle origini ai tempi nostri, dal “canyengue” al “tango nuevo”, passando dalla “epoca de oro”.

Quello che viene comunemente chiamato tango argentino ha in realtà origini misteriose forse caraibiche, forse addirittura africane ed è un coacervo di cultura, musicalità, un insieme di esperienze, provenienti dagli ambiti più variegati, che dopo essersi fuse, esplodono fino a tornare alla propria origine in forma modificata se non addirittura rafforzata.

Il tango, dopo essere stato per quasi un secolo prodotto di nicchia conosciuto quasi solo in Argentina, è diventato un vero e proprio fenomeno internazionale, così le sue melodie e suoi ritmi sembrano alle nostre orecchie quanto mai familiari e creano un’esperienza coinvolgente, a tratti totalizzante, perché intrisi di una magia sempre difficile spiegare a parole.

Giampaolo Costantini – Bandoneon
Alessandro Costantini – Pianoforte
Leonardo Spinedi – Violino e Chitarra
Franco Gonzàles Bertolino – Viola
Hector Faustini – Contrabbasso
Raul Dosset – Flauto
Gianluca Berti e Federica Bolengo – prima coppia di ballerini
Marco Palladino e Lara Carminati – seconda coppia di ballerini

GIAMPAOLO COSTANTINI bandoneón

Nato a Roma, nel 1987 si diploma in pianoforte presso il Conservatorio “F. Morlacchi” di Perugia; successivamente prosegue gli studi con il Maestro Fausto Di Cesare. Nel 1991 si avvicina al tango, in particolare alla musica di Astor Piazzola e fonda insieme al Maestro Fabio Tomassoni il gruppo Vox ’900 con cui si esibisce in tutta Italia, prima come pianista e dal 1997 come bandoneonista. Dal 2007 si dedica esclusivamente al bandoneon, strumento principale delle orchestre di tango, diventando così un musicista versatile capace di suonare il tango in tutte le sue sfaccettature, dal canyengue dei primi del 900, al tango nuevo di Piazzolla, dal tango contemporaneo alla musica yiddish, uno tra i pochissimi musicisti italiani a suonare il bandoneon bisonorico originale argentino, strumento dalle impressionanti difficoltà tecniche. In questi 10 anni da bandoneonista suona con le più importanti orchestre di tango, quali Orchestra Tipica Marcucci, Orchestra Tango Spleen, Letras De Tango, Hyperion Ensemble, Cuartetango, Milando Fertango, Hijos Ilegittimos de Astor. E’ stato il Bandoneon solista di Roberta Alloisio, sviluppando il progetto Xena Tango, nato dalla collaborazione con artisti del calibro di Bakalov, Marriale e Rios ed il Bandoneon solista della formazione Cuartetango nella stagione Gala’ Tango del Salone Margherita a Roma.
Ha suonato in tutti i più importanti festival di tango in Italia e all’estero, tra i quali Torino, Berlino, Baden-Baden, Lione, Montpellier, Barcellona, Mantova Palermo, Fivizzano, St. Denis, Palermo, il festival MiTo e molti altri.
Di particolare rilievo la tourneé in Argentina culminata con l’esibizione come primo bandoneon al Festival mondiale del tango de La Falda.

ALESSANDRO COSTANTINI

Alessandro Costantini nasce a Roma il 13 giugno 1965. Si diploma in pianoforte al conservatorio Francesco Morlacchi di Perugia.
Gli studi classici al conservatorio ne hanno formato la tecnica, ma non plasmato la sua formazione musicale. È un musicista eclettico, che spazia tra le più disparate esperienze musicali. I riferimenti sono tanti, dai classici alla musica etnica, ma sarebbero riduttivi nei confronti di un musicista che si colloca tra i più interessanti del panorama internazionale.
Il suo pianismo è colto e raffinato, senza dubbio coinvolgente ed originale, che sorprende per originalità e gusto, senza mai perdersi in inutili fraseggi. La sua tecnica pianistica è assai brillante ma priva di virtuosismi fini a se stessi. È considerato nuovo se non addirittura innovativo per l’uso inusuale della ritmica e delle armonie avvolgenti, anche perché è facile leggere sia la contemporaneità che la classicità dei suoni e delle soluzioni ritmiche, che sono la caratteristica principale del suo lavoro. Apprezzato sia dal pubblico giovane che maturo poiché soddisfa il bisogno di musica nuova e fresca.

LEONARDO SPINEDI violino e chitarra

Leonardo Spinedi, violinista, chitarrista e compositore, si diploma col massimo dei voti in violino presso il Conservatorio “A.Casella” de L’Aquila. Nel 2007 entra nella classe del M° Dejan Bogdanovich, con il quale intraprende un percorso di alto perfezionamento solistico, frequentando inoltre masterclass con i maestri P.Berman, M.Fiorini, O.Semchuck. Ha collaborato come spalla con numerose orchestra, tra cui l’Orchestra Stabile del Molise, l’Orchestra Filarmonica Marchigiana, l’Orchestra da Camera di Perugia, l’Orchestra di RomaTre e la Roma Film Orchestra, incidendo numerose colonne sonore e collaborando tra gli altri con Giovanni Sollima, Leonora Armellini, Alessio Allegrini, Luigi Piovano, Evelyn Glennie, Luis Bacalov, Michele Campanella . Ha collaborato inoltre, anche come prima parte, con i Solisti Aquilani, esibendosi in prestigiose sale, tra cui la Kammermusiksaal della Berliner Philarmonie. Come primo violino del Quartetto Orfeo ha realizzato il cd “El Otro Astor”, una monografia su Astor Piazzolla per la Brillant Classics, di cui ha anche curato l’arrangiamento per quintetto del doppio concerto “Hommage a Liege”. Suona stabilmente in duo con la pianista Giulia Spinedi con cui ha vinto nel 2014 il Premio Salieri di Legnago di musica da camera. Come compositore è da sempre attivo principalmente nell’ambito della musica da camera e dell’arrangiamento, in particolare degli archi, nella ricerca di una fusione tra linguaggi colti e popolari. Nel 2013 ha composto ed eseguito dal vivo le musiche per lo spettacolo biografico su David Grossman andato in scena al Festival della Letteratura di Mantova. Come chitarrista collabora con numerose formazioni, principalmente in ambito jazzistico, esibendosi in festival e club in Italia e all’estero.

FRANCO GONZÀLES BERTOLINO viola

Franco Gonzàles Bertolino inizia lo studio della viola in Uruguay all’età di dodici anni. Fa parte sin da subito dell’Orchestra Sinfonica Infantile di Maldonado e dell’Orchestra Sinfonica Juvenil Josè Artigas con le quali suona per cinque anni realizzando tournee in Uruguay, Argentina e Cile. Nel 2004 fonda “Fabiani”, il primo quartetto d’archi nato fuori dalla capitale di Montevideo, con lo scopo di diffondere la musica “classica” nei quartieri della città natale di Maldonado, proponendo concerti didattici nelle scuole elementari e nei licei. Nel 2006 si trasferisce nella capitale dove continua i suoi studi di viola con il maestro Gian di Pìramo (Prima Viola dell’Orchestra Nazionale dell’Uruguay ed Ex Prima Viola della Sinfonica di Teneriffe, Spagna) e si dedica allo studio della composizione presso l’Università di Musica dell’Uruguay. Nel 2008 ottiene l’incarico d’insegnante di armonia, violino e viola presso il Conservatorio di Maldonado, la città natale, e per “Gropos Sonantes”, un progetto innovativo ideato dal maestro Jorge Risi (in ripetute occasioni Primo Violinista nell’Orchestra RAI di Roma) con l’obiettivo di diffondere la cultura musicale in tutto il Paese, offrendo gratuitamente lezioni di musica in dieci sedi dell’Uruguay ad adulti e bambini. Nel 2009 lascia il suo Paese per continuare gli studi all’estero, prima in America e successivamente in Italia. Nel 2010 studia al conservatorio “Luigi Cherubini” di Firenze con il Maestro Augusto Vismara e nel 2012 si diploma con il Maestro Massimo Paris al conservatorio “Santa Cecilia” di Roma, dove attualmente frequenta il Corso di Specialistica in Musica da Camera con il Maestro Roberto Galletto. Negli anni di formazione ha studiato con Augusto Vismara, Margot Burton, Bruno Giuranna e Ori Kam. Collabora con diverse orchestre: Orchestra Franco Ferrara del Conservatorio “Santa Cecilia”, Orchestra Italiana del Cinema, Orchestra del Teatro Lirico di Roma, Orchestra Roma Tre, Orchestra Sinfonica Abruzzese, Iluminart Philarmonic Orchestra di Tokyo.
Suona nel duo viola-chitarra “Egeria”, nel “Rolla String Trio” con il violinista Stefano Minore e il violoncellista Paolo Andriotti, nel quartetto d’archi “Amarcord” e nel quintetto di tango “Le Escondia”.
A Roma si è dedicato all’insegnamento della viola e del violino in svariati contesti socio-educativi come scuole, case per anziani, associazioni, scuole di musica, progetti socio-educativi e d’integrazione.

HECTOR FAUSTINI – Contrabbasso

Héctor Faustini, nato a Roma nel 1993, inizia lo studio del contrabbasso all’età di 14 anni con A, Romanazzo. Consegue la laurea triennale sotto la guida del Maestro F.Zeppetella al Conservatorio “O. Respighi” di Latina, ove prosegue attualmente nel biennio specialistico. Suona nell’Orchestra del Conservatorio e tiene concerti in Italia e all’estero in varie formazioni cameristiche, sia nella musica classica che nel tango (quartetto “La Bordona”).

 

RAÙL DOUSSET – Flauto

Raùl Dousset nato a Buenos Aires, si è diplomato presso il Conservatorio di Musica “S. Cecilia” di Roma sotto la guida del M° G. Graverini. Ha proseguito la sua formazione seguendo corsi di perfezionamento tenuti dal M° A. Marion, S. Gazzelloni e R. Guillot. Da sempre impegnato nella diffusione della musica popolare argentina, si è esibito con successo in italia e all’estero con il “Quintetto Buenos Aires”, del quale è stato fondatore e direttore artistico. Nel 1995 ha creato il gruppo “Cuartetango”, con il quale volge un’intensa attività concertistica ed ha registrato un CD dal titolo “Cuartetango interpreta Astor Piazzolla”, che ha ottenuto notevoli consensi di pubblico e critica.

GIANLUCA BERTI e FEDERICA BOLENGO – prima coppia di ballerini

Berti Gianluca e Federica Bolengo sono dal 2002 Direttori artistici di Milongueando, Accademia di Tango Argentino & Spettacoli, con sedi stabili per i corsi e le milonghe a Biella, Novara, Vercelli, Ivrea, e con seminari e stage a Milano, Torino e Genova. Per nove anni hanno collaborato con la Direzione del Genova Tango Festival di Palazzo Ducale, fino a parteciparvi nel 2011 come artisti invitati. Dal 2004 al 2010 hanno prodotto in Piemonte il Milongueando Tango Festival che ha ospitato in diciotto concerti tutti i più importanti artisti di Buenos Aires. Nel 2006 hanno prodotto il 1° Roma Tango Festival a Montecitorio Eventi con oltre cento artisti invitati in quindici giorni. Dal 2007 hanno propri spettacoli teatrali in cartellone a Milano ogni tre mesi. Si sono esibiti oltre trecento volte fra cui a Milano Moda per Etro, a Pitti uomo a Firenze, alla Rai e nel Cinema, e in almeno cento show sul palco di concerti-spettacoli, spesso come coppia solista. Nel 2010 sono stati l’unica coppia totalmente italiana invitata in esibizione al 1° European Tango Championship di Torino e hanno ballato come coppia solista al Teatro Nazionale di Timisoara (Rom). Nel 2012 si sono esibiti a Roma Teatro Ghione, e ai Teatri Nazionali di Praga e Brno (Rep Ceca) con un loro spettacolo teatrale. Nel 2013 producono la prima Crociera del Tango per la Royal Caribbean.
www.milongueando.it

MARCO PALLADINO e LARA CARMINATI – seconda coppia di ballerini

Marco nasce a Milano nel 1973. Sin da giovane pratica la Danza Sportiva, ottenendo ottimi risultati. Nel 1996 si avvicina al Tango Argentino studiando con i migliori Maestri Argentini, imparando così lo Stile Salon, Milonghero e Tango Nuevo.
Nel 2002 vince il Campionato del Mondo Miami Beach ( Florida – USA) e, nel 2003, il Campionato Italiano Professionisti A.N.M.B. . Nel 2006 è finalista al IV° Mundial del Tango 2006 di Buenos Aires per le categorie “Salon” e “Scenario” ed è premiato dal CONI Regione Lombardia al Trofeo “ATLETA EUROPEO DELL’ANNO 2006”.
Ballerino nei Concerti delle Orchestre “Estilo Tango” diretta dal Maestro argentino Daniel Pacitti ; “Accademia Concertante D’Archi di Milano” diretta dal Maestro Matteo Fedeli ; “Tango Tinto” ; “Quinteto Invisible” ; “Quejas de Bandoneon”.
Si dedica a tempo pieno all’insegnamento e alla produzione di spettacoli su tutto il territorio nazionale. Preparatore di coppie professioniste a vari livelli, alcune delle quali hanno conseguito titoli nazionali ed europei e si sono classificate finaliste ai campionati mondiali di Buenos Aires. Autore del libro didattico “Tango argentino, Vals, Milonga”, relatore e interprete dei 4 dvd associati al libro.
E’ relatore e docente al Festival di Tango Argentino come esperto nella didattica del movimento del corpo e nell’utilizzo della musicalità.

Lara nasce a Bergamo nel1978. Inizia a ballare all’età di 8 anni, dedicandosi per venti anni alla danza classica e avvicinandosi successivamente al flamenco e alla danza jazz. Nel 2008 inizia a danzare il Tango Argentino studiando con maestri argentini e italiani, imparando così lo Stile Salon e Milonguero.
Nel 2012 e 2013 è finalista ai campionati Italiani di Tango argentino per la categoria Salon. Dal 2013 collabora come insegnante e ballerina con il Maestro Marco Palladino. Si dedica a tempo pieno all’insegnamento e partecipa a festival e spettacoli su tutto il territorio italiano.

www.palladinotango.com