Tones On The Stones Kids

Nel 2017, all’interno della tradizionale programmazione, parte una sezione dedicata ai più piccoli e soprattutto alle famiglie residenti nelle zone montane.

Senza Bambini la montagna muore

È importantissimo garantire ai bambini il diritto di crescere e di vivere nelle aree montane, salvaguardando i servizi e le opportunità di svago, condivisione, partecipazione formazione. I bambini rappresentano il futuro della montagna. Senza di loro, i piccoli Comuni delle aree interne del Piemonte e del Paese sono destinati a morire. Dopo gli anni drammatici dello spopolamento, assistiamo a famiglie che ritornano e che scelgono di vivere e lavorare nelle terre alte. Per questo servono opportune scelte istituzionali e politiche, per la famiglia e per i minori.
Tones on the Stones propone un weekend di attività pensate e realizzate per i più piccoli che comprendono spettacoli, attività laboratoriali e percorsi performativi a contatto con la natura e con la produzione artistica.

 

Domenica, 9 luglio

Filtri, magie e sortilegi

Laboratori e Performance all’interno degli Orridi di Uriezzo

Drammaturgia a cura di Maria Giuliana Saletta.
A ispirare e a tessere il percorso animato saranno le antiche fiabe delle montagne ossolane, raccolte nel libro di Paolo Crosa Lenz, “Leggende delle Alpi”.

Con la partecipazione di
CTF – Campo Teatrale La Fabbrica e del Pasticcere campione del mondo Stefano Donelli che proporrà un laboratorio per imparare a usare il marzapane. Ospite della giornata Cristina Bersanelli (Premio Abbiati 2017).

Attività nel corso della giornata

Il consorzio Erba Bona presenta le proprietà di alcune erbe velenose.
Il festival Malescorto propone un cortometraggio di animazione dedicato alle streghe.

Grazie alla collaborazione con l’Associazione Musei dell’Ossola sarà possibile visitare gratuitamente i musei mineralogici e della montagna di Crodo, Premia e Baceno.

 

Sabato, 15 luglio

Hansel e Gretel

Versione in italiano

Musica di Engelbert Humperdinck
Regia di Alessio Pizzech
Direttore al pianoforte Massimo Scapin

Hänsel und Gretel è un’opera romantica in tre atti di Engelbert Humperdinck su libretto di Adelheid Wette (sorella del compositore), tratta dalla fiaba omonima dei fratelli Grimm.
Composta a Francoforte sul Meno nel 1891, venne rappresentata per la prima volta a Weimar il 23 dicembre 1893, diretta con successo da Richard Strauss, che scrisse a Humperdinck : «A dire il vero ecco un capolavoro di prima categoria. Da molto tempo un’opera non mi faceva una tale impressione. Che spirito piacevole, che incanto, che semplicità nella melodia, che arte e che abilità nella conduzione dell’orchestra, che trionfo nella struttura generale. Mio caro amico, voi siete un grande maestro».

Lo spettacolo è realizzato con il progetto Opera Studio di Atelier La Voce dell’Arte che seleziona giovani professionisti per avviarli alla carriera lirica attraverso laboratori formativi. Gli artisti selezionati ricevono una borsa di studio e vengono ospitati, in residenza nella cittadina di Crodo.

I protagonisti

  • Hansel Mae Hayashi (mezzosoprano)
  • Gretel Su Jung Wang (soprano)
  • La madre Eleonora Filipponi (mezzosoprano)
  • Il padre Ken Watanabe (baritono)
  • Sabbiolina Fabiola Amatore (mezzosoprano)

E con la partecipazione di Maddalena Calderoni nel ruolo della Strega Marzapane

Silvia Magagni pianoforte
Paolo Pasqualin percussioni
Nevio Cavina disegno luci
Francesca Sartorio e Flavia Ruggeri scene e costumi (in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Brera)
Michele Degan assistente alla regia

Con la partecipazione di Campo Teatrale la Fabbrica.